sabato 28 giugno 2014

Risveglia il tuo potere femminile

LO SPECCHIO DI VENERE

RISVEGLIA IL TUO POTERE FEMMINILE

Come annunciato ieri, le attività dell'Associazione culturale NoiUno, verranno proposte anche nella splendida cornice della Riviera delle Palme





Le stesse includono un percorso per le Donne curato da Shirayah (Natascha von Arx):

Lo Specchio di Venere (la Dea alchemica dell'Amore) è un percorso individuale volto a risvegliare l'antica forza del Divino femmineo dentro la Donna.

È per le donne che vogliono imparare ad amarsi totalmente e farsi amare, che sanno fidarsi della loro saggezza e realizzarsi in ogni ambito della propria vita, divenendo consapevoli, sicure, indipendenti, libere di essere sé stesse e a proprio agio con la loro femminilità. 

La via della Dea alchemica insegna come utilizzare il potere trasformativo dell'Amore per guarire ogni ferita e vivere la propria autentica natura di Donna in armonia con ogni cosa.

È un sentiero per Donne che imparano a lasciarsi andare all'Amore e ad aprire il Cuore alla Vita vivendone solo il meglio.


Per saperne di più potete visitare il blog di Shirayah, oppure scrivere a omshirayah@gmail.com.

lunedì 23 giugno 2014

I benefici della Regressione spirituale

di Francesco Ferzini


QUALI SONO I BENEFICI DELLA 
REGRESSIONE SPIRITUALE?




La regressione spirituale permette di portare velocemente alla consapevolezza quali sono le memorie irrisolte che causano blocchi energetici o emotivi e che impicciano e disturbano il nostro presente, per poterli trasformare in un insegnamento evolutivo.
Noi siamo energia ed ogni cosa ha una precisa memoria. La dimensione spirituale influenza 80%delle nostre vite, e la maggior parte dei problemi che ci troviamo a fronteggiare deriva da memorie irrisolte che la nostra anima non ha compreso o da significati disfunzionali che abbiamo attribuito ad eventi o esperienze emozionali del passato.
La profonda comprensione del processo di creazione di un blocco energetico consente di integrarne l'insegnamento nella vita attuale e di curare le ferite della nostra più profonda ed intima essenza. 
Dell'anima.

sabato 21 giugno 2014

La cura dell'Anima



PERDITA, FRAMMENTAZIONE, E CURA

DELL'ANIMA




Noi siamo energia ed ognuno di noi sviluppa un proprio campo elettromagnetico (aura). Sostanzialmente, nel suo complesso, si tratta di una vibrazione unica che ci contraddistingue, simile ad una impronta digitale.

Noi tutti abbiamo un'anima. L'anima è la nostra energia vitale, o essenza spirituale. In semplici parole, è il nostro potere interiore. Il nostro potere personale.

Ogni volta che siamo confrontati con un evento o esperienza traumatica, parte di questa energia o essenza si stacca per evitare la sofferenza, in un normalissimo meccanismo di protezione e difesa che vien definito dissociazione. La medesima dinamica si presenta quando permettiamo ad altri di aver potere su di noi e sottometterci o vampirizzarci in qualche modo.

Da una prospettiva spirituale, ciò comporta una perdita o frammentazione dell'anima. 

Le parti dissociate vanno a finire in quella che gli sciamani definiscono essere la "realtà non-ordinaria" e non ritornano da soli. L'esistenza ci invia però dei precisi messaggi a tal riguardo. Situazioni traumatiche che si ripresentano sotto altre vesti, relazioni disfunzionali, problemi nelle relazioni interpersonali, dipendenze, abusi, et cetera, et cetera.

Come sappiamo, la dimensione sottile influisce 80% sulle nostre vite e, siccome non viviamo nell'età dell'Oro, 99% delle persone hanno sperimentato una frammentazione dell'anima, non essendo immuni a traumi di tipo fisico, emotivo, oppure mentale.

La perdita o frammentazione dell'anima è un disagio o malattia spirituale. È una totale vulnerabilità dell'anima nel mondo sottile che si rispecchia in una vulnerabile debolezza nel mondo della materia. Abitudini e dipendenze malsane, abusi, stati d'animo e dell'essere totalmente negativi, emozioni negative, difficoltà di concentrazione, pensieri ossessivi e disturbanti, stress, senso di colpa, mortificazione, disturbi del sonno, ed altro ancora sono solo alcuni dei campanelli di allarme che denotano questa problematica.

Nelle culture tribali, la perdita o frammentazione dell'anima era considerata la maggior causa delle malattie. Ai tempi di Gesù e degli esseni, si riteneva che le entità-malattia incombevano perlopiù sulle anime indebolite.

Come sottolineava Platone, "non bisogna cercare di guarire il corpo senza cercare di guarire l'anima." Recuperare il proprio potere personale e trasformare le memorie irrisolte del proprio passato in un insegnamento evolutivo è la chiave per una vita gioiosa e felice. 

Ciò, chiaramente, comporta un lavoro energetico e sottile che deve essere poi integrato nella propria vita. La chiusura delle falle o brecce energetiche e la comprensione del processo creativo di energia emotiva negativa necessita un cambiamento nelle proprie abitudini e nel proprio stile di essere nella vita. 




Sessioni individuali: riequilibrio energetico e spirituale.


venerdì 20 giugno 2014

Uscire dall'Ipnosi



LA REGRESSIONE SPIRITUALE
PER USCIRE DALL'IPNOSI 




Siamo sempre in una sorta di stato di trance.


Le memorie prenatali, ancestrali, di vite passate, reminiscenza, e l'uso dell'immaginazione per esplorare il proprio universo interiore sono sempre stati presenti in varie culture e ampiamente studiati da illustri personaggi come Socrate, Platone, Plotino, Bruno, Kant, Assagioli, Huxley, Erickson, Jung, e molti altri. Addirittura, vi è evidenza che potrebbe portar all'inferenza che Gesù curava le anime con una metodologia molto simile alle tecniche della regressione.

Nel mondo moderno, è comune pensare all'ipnosi come unica metodologia per accedere ai ricordi dell'anima ma non è proprio così. Generalmente, infatti e nella maggior parte dei casi, la sintomatologia legata a delle memorie irrisolte o blocchi energetici porta già con sé una propria trance, ed il lavoro consiste proprio nel rilascio delle energie cristallizzate e stagnanti e la trasformazione di memorie incomprese in insegnamento evolutivo. 

In altre parole, si tratta di comprendere il processo creativo di questi stati di trance negativi, sciogliere gli impicci energetici e le associazioni disfunzionali che sono stati strutturati in passato e, per l'appunto, uscire da una ipnosi improduttiva legata a contenuti del passato.

La regressione è uno strumento molto prezioso per scoprire velocemente la radice dei propri crucci energetici. Checché se ne possa dire, la regressione spirituale non è una psicoterapia e/o cura medica tradizionale e non sostituisce in nessun modo la diagnosi medica qualificata. È altresì da sottolineare che non è per tutti e non è la panacea di tutti i mali e per tutti i problemi. Non risolve handicap mentali, gravi disturbi della personalità, disturbo bipolare, disturbo ossessivo-compulsivo, grave depressione o anoressia diagnosticati a livello clinico, grave autismo, e simili ma a porta ad ottimi risultati con paure irrazionali e fobie, memorie irrisolte, depressione senza una chiara causa, problemi relazionali, pensieri intrusivi e disturbanti, incubi e disturbi del sonno, insicurezza, scarsa autostima, senso di isolamento e mortificazione, stress, dolori inesplicabili, e ripetuti fallimenti nelle relazioni interpersonali.

Certamente, è un prezioso strumento di crescita personale e sviluppo anima.

giovedì 19 giugno 2014

La cura dell'anima



LA CURA DELL'ANIMA

“Come un uomo smettendo i vestiti usati, ne prende altri nuovi, così proprio l'anima incarnata, smettendo i corpi logori, viene ad assumerne altri nuovi”.

Bhagavad Gita 2, 22




Negli ultimi decenni, dopo aver scoperto la possibilità di esplorare le Vite precedenti, alcuni terapeuti furono molto sorpresi nello scoprire che alcuni clienti potevano rammentare le memorie di un tempo fra una Vita e l'altra. Persone senza particolari credi religiosi o spirituali descrivevano in modo dettagliato ed in modo altamente consistente le loro memorie animiche della Vita fra le Vite.
Queste conoscenze erano sicuramente già disponibili ad antiche culture o ad altri pochi eletti ma gli stessi non sembra abbiano mai lasciato testimonianze scritte e che ciò non fosse mai diventato di dominio pubblico o che, in altri casi, questo tipo di esperienze non era ben accetto dalle istituzioni nelle varie ere storiche.
Un'enorme contributo alla conoscenza è stato offerto da Joe Fisher, nel suo libro Life Between Life (1986); da Helen Wambach, che pubblicò i primi risultati statistici in Life Before Life; Peter Ramster, che scrisse sulla metempsicosi in The Truth About ReincarnationDolores Cannoncon la sua pubblicazione Between Death and Life e Shakuntala Modi, nel suo libro Remarkable Healings. In molti casi, la maggior parte delle scoperte sono avvenute accidentalmente, con comandi ipnotici errati. Ciò è accaduto anche a due dei più conosciuti esperti in Ipnosi RegressivaBrian Weiss eMichael Newton. Quest'ultimo, era inizialmente scettico sulle Vite passate ma poi, ricredendosi, fu il primo pioniere a pubblicare il più dettagliato resoconto della Vita fra le Vite, in Journey of Souls (1994) e Destiny of Souls (2000), rendendo la sua importante ricerca di dominio pubblico a livello globale.
Accedere alle proprie memorie animiche ed esplorare la Vita fra le Vite offre l'opportunità di una profonda comprensione del percorso evolutivo della propria Anima, di cogliere il vero significato degli obiettivi della Vita attuale, e riscoprire la propria Essenza Divina, nonché trarne i benefici di una nuova consapevolezza spirituale.
Quella che vien comunemente chiamata Ipnoterapia LBL (Life Between Lives Hypnotherapy) è una tecnica che permette di recuperare i ricordi di vite precedenti e le memorie animiche tra una vita e l'altra mediante l'uso dell'ipnosi.
E' la cura dell'Anima.
E' opportuno sottolineare che, pur essendo la metodologia dell'ipnosi, collegata alla pratica della regresssione spirituale alle Vite precedenti o alla Vita fra le Vite, di per Sé non è da considerarsi psicoterapia, come ribadito da Michael Newton in persona. Nel normale stato di coscienza (Beta) le nostre memorie animiche sono nascoste, in quanto abbiamo imparato a non ascoltarci.  Uno stato di rilassamento permette però la connessione con la dimensione non-fisiche del regno dello Spirito, laddove il tempo si svolge in una sorta di eterno presente. Ciò, ha un effetto profondamente trasformativo.
La conoscenza e la comprensione del proprio percorso evolutivo a livello animico e lo scopo ed obiettivi della Vita attuale sono altamente trasformativi. Capire quali lezioni abbiamo ancora da imparare e qual'è la nostra vera Essenza ci permette di capire il motivo per il quale abbiamo scelto una determinata esistenza e, come conseguenza, affrontare la Vita con maggior serenità.
La meravigliosa opportunità di poter comunicare con la propria Guida spirituale, con le anime del proprio gruppo animico, e soprattutto ottenere una nuova e profonda comprensione del nostro percorso evolutivo tramite un'iniezione di saggezza da parte dei Saggi è davvero molto prezioso per quanto concerne l'evoluzione spirituale d'ognuno. 
Accedere alle nostre memorie animiche alla ricerca della Saggezza interiore significa saper ascoltare il nostro Cuore e non solo quanto professa la nostra testa pensante.
In sintesi, lo scopo principale è quello della crescita personale e dell'auto-realizzazione tramite la riscoperta della propria Luce Divina. 


La vita è una serie di scelte,
scegli con l'Anima!





mercoledì 18 giugno 2014

Ipnosi VFV



IPNOSI REGRESSIVA E MEMORIE DELL'ANIMA 

Recentemente, un Signore mi ha scritto d'aver partecipato ad una seduta di ipnosi regressiva alle vite precedenti dove sono emerse alcune storie che però non sembra avessero un legante con il suo problema e non lo hanno aiutato in alcun modo. 

Mi chiedeva dunque di poter approfondire con l'ipnosi VFV.




Ciò mi permette di porre l'accento su alcune importanti tematiche che devono essere prese in considerazione da chiunque trovi nella regressione il mezzo prediletto per risolvere i propri blocchi e conflitti interiori. 

Da una prospettiva sottile, la causa o radice di un blocco si può trovare in vite precedenti oppure nella vita attuale. Il nostro sistema altamente interconnesso corpo-mente-emozioni-anima ci informa inviandoci dei messaggi che dobbiamo interpretare. Inoltre, il legante c'è sempre (a meno che non si tratti di proiezioni mentali).

Metaforicamente, possiamo pensare ad un fiume di energia che scorre e che per qualche motivo ha subito un blocco, cosicché il normale fluire si è cristallizzato in un passaggio interrotto di acqua stagnante. Semplicemente, si tratta di memorie irrisolte dell'anima che si sono trasformate in energia cristallizzata.

La regressione alle vite precedenti permette di scoprire velocemente le memorie irrisolte dell'anima, comprenderne il processo creativo, e trasformarle in un insegnamento evolutivo con le apposite tecniche per poi integrarne la comprensione nella vita corrente. Similmente, la regressione nella vita attuale permette di scoprire velocemente i comandi interiori o le equazioni disfunzionali che abbiamo strutturato (Io-artificiali), dando un significato ad un determinato evento o esperienza ed avendone memorizzato delle conclusioni distorte che ci fanno reagire in modo inadeguato ed inadatto nel presente.

Ciò per sottolineare che la regressione alle vite precedenti e nella vita attuale hanno come preciso obiettivo quello di risolvere un blocco o conflitti interiori. La regressione al periodo che l'anima trascorre fra una vita e l'altra non ha lo stesso fine.

La regressione alla vita fra le vite permette di ottenere una profonda comprensione dell'evoluzione della propria anima e gli obiettivi della vita attuale, nonché trarne i benefici di una nuova consapevolezza a livello spirituale

La regressione VFV non si concentra, infatti, sulla risoluzione di un complesso ma è sicuramente molto preziosa per una miglior comprensione di Sé.

lunedì 16 giugno 2014

La Via dell'Amore

di Natascha von Arx



« Amerai Dio con tutto il tuo cuore, con tutta l'anima e con tutta la tua mente. 
Amerai il prossimo tuo come te stesso. »
Matteo 22,37-40  



Questo é il cuore dell'insegnamento di Yeshua. Un insegnamento rivoluzionario, fondato su l'unica via possibile per la nostra salvezza: quella dell'Amore.

Tutti coloro che seguivano la via mostrata da Yeshua, sono stati "toccati" dal Soffio eterno che Lui incarnava. Si sono fatti voce della Verità che Egli ha mostrato, portando nel tempo quel Soffio rivoluzionario e pieno d'amore.

Una Via che ci ricorda che non siamo mai stati separati da Dio e non siamo separati nemmeno gli uni dagli altri. Siamo Uno.

Noi tutti siamo qui per liberarci dal giudizio verso noi stessi e dal credere, nel nostro profondo, di non essere degni d'amore. Siamo qui per riappropriarci della nostra vera Umanità.

Yeshua, Colui che incarnò la Forza Cristica, ci ha mostrato attraverso la sua vita che tutti noi possiamo, anzi, dobbiamo risvegliare in noi la stessa coscienza Cristica, seguendo l'unica via possibile: quella dell'Amore.

Ma l'Amore é ben altro che un sentimento. L'Amore é il Principio unificatore, é la Forza che trasforma, é l'unica Via in grado di redimere questo nostro mondo, e finché non lo capiremo, continueremo a soffrire.

Ogni genere di sofferenza origina sempre da una mancanza di amore verso noi stessi.

Quando non ci sentiamo amati, apprezzati, accolti, accettati, reagiamo come bambini feriti, divenendo vittime e/o carnefici.

La via dell'Amore, ci permette di perdonare e perdonarci, di accettare noi stessi e gli altri.

Come Dio é dentro ognuno di noi, ognuno di noi é nell'altro. 

La separazione é la più grande illusione di questo mondo, ed anche la nostra più profonda ferita.
Solo il ricordare, nel profondo della nostra Anima, che siamo sempre stati immensamente e incondizionatamente amati la può guarire.

D'altronde, riusciamo a dare amore solo quando ci sentiamo amati.
E quando non ci sentiamo amati la nostra natura umana assume le forme più deviate e disarmoniche, nella disperata ricerca d'amore.

Ma sentirsi amati dev'essere una percezione profonda che dobbiamo riscoprire in noi stessi e non qualcosa che cerchiamo al di fuori.
È il ricordarci del nostro eterno Legame d'amore con Dio.


Dobbiamo osservarci con sincerità e assenza di giudizio, accettando totalmente ciò che siamo e perdonandoci per tutte le volte che non ci siamo amati abbastanza.

La via dell'Amore é una vera e propria rivoluzione del nostro modo di vivere, é comprendere il bambino ferito che c'é in ognuno di noi, consolarlo, abbracciarlo e nutrirlo dell'amore che necessita.
È ritornare a vivere in Dio.

Siamo in grado di percorrere la Via dell'Amore e comprendere finalmente che siamo un'Unico cuore dalle infinite voci e tutte legittime e innocenti?

È necessario, se vogliamo veramente vivere.
E non vi é altra via che quella dell'Amore che possiamo percorrere.




Neuroplasticità

di Francesco Ferzini


SE VUOI, PUOI SUPERARE I TUOI LIMITI

Nel corso della vita, abbiamo creato e strutturato delle abitudini che abbiamo trasformato in vere e proprie dipendenze. Come sappiamo, con la ripetizione, anche gli stati d'animo e le emozioni possono adagiarsi a diventar una abitudine senza che ce ne accorgiamo. 
La maggior parte delle nostre attività quotidiane sono inconsce ed è proprio la qualità della nostra routine e delle nostre abitudini giornaliere che determina in larga misura la nostra performance ed il raggiungimento delle nostre aspirazioni fondamentali




Le scoperte recenti delle neuro-scienze confermano che il cervello è come un muscolo che può riorganizzarsi, ristrutturarsi, e rinforzarsi. Questa meravigliosa facoltà viene definita neuroplasticità: la capacità del sistema neurale di modificare la sua struttura e funzionalità.
Ciò, sottolinea in modo inequivocabile che ogni cosa dipende da una nostra scelta interiore.Nella maggior parte dei casi, chi procrastina pecca soprattutto di volontà. Non si tratta di non avere tempo, o di non essere talentuosi abbastanza, o altre scuse del genere. Il più delle volte si tratta di mentire a sé stessi in un dialogo interiore confuso e condizionato che cerca di sedurre alla mediocrità involutiva fra paure, dubbi, e la promessa di una sicurezza illusoria.
Non credere a tutto ciò!
Se non stai vivendo una vita straordinaria scegli di stravolgere il tuo modo di pensare e la tua routine quotidiana, onde riprogrammare i tuoi schemi mentali e le tue abitudini in modo tale che possano diventar tuoi preziosi alleati e non ostili sabotatori sul tuo cammino.
Se vuoi, puoi superare i tuoi limiti e realizzare i tuoi sogni.

Scegli con l'anima!

sabato 14 giugno 2014

Obiettivi e significati

di Francesco Ferzini


Cosa significano i tuoi obiettivi?



Si parla molto di obiettivi e di come raggiungerli ma spesso ne sottovalutiamo l'intrinseco significato e la notevole importanza.
I nostri obiettivi sono certamente molto importanti ed è necessario rinnovare il nostro focus quotidianamente su ciò che vogliamo raggiungere. Il principio basilare è che l'energia segue il pensiero e che intento e focus, se mantenuti nel tempo, creano il nostro campo energetico di risonanza.
Talvolta però, inseguiamo degli obiettivi che non sono propriamente nostri e si presentano in una forma egoica oppure limitata ad una creazione della nostra mente condizionata. In questo frangente, il rischio è quello di cader nella trappola di un conformismo accondiscendente di massa (e mediocre) e di voler raggiungere una meta definita da altri, non la nostra. Nella maggior parte di questi casi, al primo ostacolo la motivazione iniziale sbiadisce e spesso ci si rende conto troppo tardi che la via non era ciò che veramente si voleva ma un tentativo di compiacere qualcun'altro o qualche Io-artificiale.
Naturalmente, è ciò che ha valore per noi ed a cui attribuiamo significato che ci motiva e ci porta a crescere. È ciò a che ci permette di esprimere il nostro potenziale latente e che giunge dalle profondità della nostra interiorità ch'è fondamentale.
È ciò che si allinea perfettamente alle nostre vere aspirazioni fondamentali ed ai nostri valori più intimi e profondi, in linea con lo scopo della nostra anima.

venerdì 13 giugno 2014

Sviluppare Anima


di Francesco Ferzini


Sviluppare anima significa evolvere



Nell'Universo vi sono due Forze fondamentali in azione: involutiva ed evolutiva. La Forza involutiva tende all'inerzia. Una sorta di conformismo ad una boriosa routine. In altre parole, significa vivere la vita in modo passivo e reattivo. Vivere in balia delle proprie abitudini e dipendenze ed essere totalmente condizionati dagli eventi esterni. Non dimentichiamoci che più del 90% delle nostre attività quotidiane sono dettate da un automatismo inconscio.
Al contrario, sviluppare anima significa evolvere. Implica essere connessi con Sé stessi e mantenere un focus costante sulle proprie aspirazioni fondamentali. Significa scegliere di assumersi la totale ed assoluta responsabilità delle proprie scelte e del proprio mondo interiore ed avere una visione chiara e cristallina dei propri obiettivi.
Non siamo nati per adagiarci nella divanizzazione dell'essere.
Siamo qui per imparare, crescere, evolvere verso le nostre aspirazioni. Essenzialmente, si tratta di una questione di attitudine e atteggiamento, di una scelta interiore, di leadership.

mercoledì 11 giugno 2014

Lo sviluppo dell'Anima

di Francesco Ferzini 


CRESCITA PERSONALE E SVILUPPO DELL'ANIMA



Michelangelo riusciva a vedere delle opere d'arte all'interno del marmo e coglierne la loro vera essenza.

Il suo lavoro consisteva nel togliere tutto il materiale superfluo.

Il lavoro su di Sé è decisamente molto simile e, per fare della propria esistenza una straordinaria opera d'arte è necessario lasciar andare l'inutile zavorra e ritrovare il proprio vero Sé, fra tanti pezzi di marmo artificiali.

La propria anima.





Sentirsi persi? Come uscirne?

di Natascha von Arx


Ciò che sta accadendo nella nostra realtà in questo tempo, sta seriamente mettendo alla prova molti aspetti della nostra vita, in cui sembrano non funzionare più determinati vecchi schemi.

Sempre di più si sente parlare di crisi, e non solo economica, ma anche nelle relazioni, nello stile di vita, nei valori a cui riferirsi.

Tutto sta cambiando e le persone si sentono sempre più perse.
Occorre ri-centrare la nostra vita laddove si trova l'unico vero riferimento: all'interno di noi.

Finché guarderemo fuori, tutto sarà precario e transitorio. Ma se il nostro punto di rifermento diviene la nostra interiorità, la vita assume un'intensità totalmente diversa!

Infatti, ciò che viene veramente messo alla prova è la nostra vita interiore.

Qualsiasi problematica possiamo guardare, é come la viviamo interiormente che conta e che determina la nostra sofferenza o il nostro benessere psicofisico.

Ma perché soffriamo o ci sentiamo persi?

Perché permettiamo alle situazioni esterne di creare la nostra realtà interna, e questo, immancabilmente, ci fa traballare poiché facciamo dipendere la nostra stabilità interiore dall'inevitabile instabilità dei fattori esterni.

Così, ci sentiamo sempre più persi, agitati, arrabbiati, confusi o depressi.

Ma questo è grande errore da cui occorre uscire!

Lasciare che una situazione esterna, per quanto grave o importante che sia, determini il nostro stato interno, e questo diventi il modo con cui affrontiamo le situazioni, é un ostacolo alla nostra felicità ed a qualsiasi realizzazione e soluzione.

Se vogliamo essere felici dobbiamo interrompere questo circolo vizioso.

Dobbiamo comprendere che siamo noi ad avere il potere e la responsabilità di scegliere e di migliorare la nostra vita.

Ma come?

Il segreto é rompere lo schema che fa dipendere la nostra realtà interna a quella esterna, per invertire le cose, ovvero plasmare la realtà esterna su quella interna.

Ecco 4 regole fondamentali per iniziare a distaccarsi da questo meccanismo:
  1. NON GIUDICARE NULLA. Non identificarti con la situazione né con le emozioni o i pensieri legati ad essa. Tu NON sei quello che vivi, ma Chi ne fa semplicemente esperienza.
  2. ACCOGLI QUELLO CHE C'È NEL TUO PRESENTE.Chiediti sempre: "Quale opportunità mi sta offrendo la vita per crescere, cambiare, guarire o essere più felice"?
    La vita non ti punisce mai, ed ogni cosa che ti offre nel tuo presente é un'occasione per crescere ed uscire da ogni sofferenza.
    TU SEI QUI PER IMPARARE AD ESSERE FELICE!
  3. ASCOLTA LA TUA ESPERIENZA.
    Identifica attentamente lo stato interiore che provi. Attraversa senza giudicare la tua esperienza, tenendo sempre presente che stai imparando da essa.
  4. SII GRATO PER QUELLO CHE VIVI E MANTIENI UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO E FIDUCIOSO.
    Abbi fiducia nella saggezza della Vita che ti sa guidare verso quello di cui hai veramente necessità. 

La Vita é una scuola in cui tutti noi stiamo imparando ad uscire dall'illusione di un modo di ombre, in cui regnano sofferenza, paura e senso di colpa, per entrare in un modo fatto di Luce in cui regna l'amore, il perdono e la prosperità sotto ogni aspetto. Ed ogni situazione che viviamo é un'occasione per avvicinarci alla Luce!

Sogni ancora o hai smesso?

di Francesco Ferzini



Vuoi raggiungere le tue aspirazioni fondamentali 

ed i tuoi sogni?

Chiarisci il tuo intento, semplifica la tua vita, e proteggi il tuo focus.


Viviamo nell'era dell'obesità d'informazione e della distrazione. L'attenzione è considerata merce preziosa anche nelle teorie economiche. Siamo quotidianamente bombardati da una miriade di contenuti ed una cascata di informazioni.
Ognuno vuole la nostra attenzione.
Il nostro intento ed il nostro focus mantenuti nel tempo sono ciò che genera il nostro campo energetico di risonanza. Per questo fondamentale motivo è vitale proteggere il nostro focus e non inciampare nella tirannia delle cose urgenti e non importanti. Svariati studi dimostrano che le persone più inefficaci ed improduttive hanno una agenda molto folta e sono molto impegnate ad essere impegnate in attività che si rivelano irrilevanti al loro successo. Al contrario, le persone di successo sono estremamente focalizzate sui loro obiettivi, verso le loro aspirazioni fondamentali e sogni.
Se non stai raggiungendo il successo che meriti è dunque molto importante rivedere quali sono veramente i tuoi obiettivi e le tue aspirazioni, rivalutare le tue strategie e semplificarne il procedimento. La chiarezza è imperativa.
Chi cerca di accontentare tutti, alla fine non accontenterà nessuno, neppure Sé stesso.
È dunque importante stabilire le proprie priorità, migliorarsi continuamente grazie al feedback ottenuto, continuare ad imparare e raffinare la propria arte, e perseguire i propri obiettivi con dedita disciplina.
Ad ogni interruzione perdiamo il nostro focus e disperdiamo preziose energie. Impieghiamo diversi minuti per riuscire a rifocalizzare la nostra attenzione sull'attività su cui eravamo focalizzati. Risulta vitale proteggere il proprio focus ed evitare in qualsiasi modo le futili distrazioni.
Inoltre, è sempre molto utile rimaner centrati ed allineati con i propri obiettivi e le proprie priorità e chiedersi:
  • Cosa sto facendo per migliorare e per raggiungere le mie aspirazioni fondamentali?
  • Sto impiegando il mio tempo e le mie energie nel miglior modo possibile?
  • Ciò è rilevante ed in linea con le mie priorità / aspirazioni fondamentali?
  • Ciò contribuisce in qualche modo al mio percorso evolutivo?
  • Sto facendo ciò per migliorarmi, raffinare e manifestare la miglior versione di me stesso oppure sto cercando di accontentare gli altri in qualche modo?

Chiarezza.
Semplicità. 
Focus.

Scegli con l'Anima!

martedì 10 giugno 2014

Eccellenza e leadership


COSA TI IMPEDISCE DI ECCELLERE ?




Chi ha bistrattato la semantica dell'eccellenza?
La psicologia cognitiva e sociale s'interroga sulla leadership, sulla motivazione, sullo studio dei leaders e quant'altro ma dimentica ed omette delle variabili alquanto fondamentali ed importanti. 
Ognuno può essere un leader. Ognuno può eccellere. La leadership è una attitudine. È passione. È scegliere con l'anima.
L'eccellenza non è un titolo e neppure la leadership dipende da alcun sistema gerarchico o piramidale del potere o del sistema.
Siamo sin troppo abituati a credere il falso. L'eccellenza e la leadership non sono prodotti dalla fortuna e nulla è un caso. L'eccellenza è il risultato della creazione della propria realtà a seguito di una limpida e cristallina chiarezza in relazione alle proprie aspirazioni fondamentali.
Responsabilità, Rispetto, Reciprocità.
Volontà, Intento, Passione.
Pratica, Diligente disciplina, e perseveranza.
Questi sono gli ingredienti principali.
Dell'eccellenza e della leadership.


Evvivi la vita!
Scegli con l'anima!

lunedì 9 giugno 2014

Energie nel Tempo

Come impieghi le tue energie nel tempo?

Viviamo in una era dove la vita reale e quella virtuale sembrano fondersi. Il tempo sembra esser diventato scarso. 

Come mai, allora, taluni hanno successo nel raggiungere i propri obiettivi mentre la maggior parte delle persone annaspa fra le lancette e si lamenta di "non avere tempo"?

ognuno ha a disposizione 24 ore in una giornata

Ecco alcune idee di facilissima implementazione per aver più tempo a disposizione e per mantenere il proprio focus e raggiungere i propri obiettivi e le proprie aspirazioni fondamentali, in linea con lo scopo della propria anima.




Scegli con l'anima



Il potere di scegliere




IL POTERE 

DELLE SCELTE E DELLA RESPONSABILITÀ 

Ognuno è liberissimo di fare le proprie scelte e, il primo passo verso una nuova realtà, più felice ed appagante, è proprio quella di scegliere di assumersi la più totale ed assoluta responsabilità delle proprie scelte e del proprio mondo interiore.




Eppure, sin troppe persone subiscono la realtà in modalità passivo-reattiva, in una boriosa routine automatica. Sin troppi hanno paura di alzare la testa e dire la loro, e credono che il successo sia qualcosa da evitare. Qualcosa predestinato ad altri, ma certamente non per sé.

Certo, v'è stato qualche pasticcio nel costruir le società d'oggi: siamo arrivati a credere che solo la ricchezza materiale ed il possesso determinano la nobiltà di una persona, che tutto (meritocrazia compresa) abbia un prezzo, e che il povero deve essere uno schiavo del ricco e potente.

Non è così!

Leadership è scegliere. 

Una scelta interiore che deve farti comprender che ogni cosa dipende solo ed esclusivamente da te e dalle tue scelte. Come asseriva Eleanor Roosevelt, "nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso." Questo è un perfetto esempio per sottolineare che nessuno ha il potere di farti pensare o sentire qualche cosa contro la tua volontà (e che tutto riporta alla stessa...).

Ciò, ovviamente, ci riporta alla responsabilità ed al libero arbitrio. 
Sinché non ci assumiamo la più totale ed assoluta responsabilità di noi stessi, subiremo la realtà invece che crearla. 

Chi si assumerà la responsabilità della tua vita e del tuo percorso verso le tue aspirazioni fondamentali ed i tuoi obiettivi, ...

se non lo fai tu?

domenica 8 giugno 2014

Non perdere tempo...



Come posso gestire meglio il mio tempo?

È una domanda molto comune in questa era dominata dall'obesità d'informazione...



Abbiamo tutti a disposizione 24 ore al giorno che possiamo scegliere come impiegare. Ricordati che un giorno è una vita in miniatura e non va sprecato.
Sii molto disciplinato nella gestione del tuo tempo e chiediti sempre se stai impiegando il tuo tempo e le tue energie nel modo per te migliore.
Il tempo perso non torna indietro. 
Ogni mattina, ritaglia del tempo per pianificare la tua giornata, rivedere i tuoi obiettivi e le tue priorità. Puoi aiutarti con i criteri utilizzati nel metodo Eisenhower: importante/urgente. Pianifica le tue priorità e porta la tua attenzione focalizzata su ciò che devi fare di persona ch'è urgente (anche se  non importante) ma, soprattutto, su ciò ch'è importante per il conseguimento dei tuoi obiettivi e delle tue aspirazioni fondamentali, a lungo termine. 
Non permettere che futili distrazioni o attività non importanti ostacolino la tua via, ti impediscano di far ciò che per te è importante, e ti facciano perdere del tempo prezioso. 
Delega. Impara a dire di No. Evita le distrazioni. Proteggi il tuo focus. Le attività prioritarie quotidiane sono quelle che produrranno i risultati desiderati a lungo termine.

No alle aspettative


di Francesco Ferzini


Agisci senza aspettative

Non si può prevedere il futuro e, nella maggior parte dei casi, i risultati non saranno in linea con l'aspettativa e, perciò, causeranno frustrazione.
Nutri, invece, le tue ambizioni ed aspirazioni ed accogli ogni risultato con serenità.