domenica 20 luglio 2014

Ciclo mestruale: un momento sacro per la donna


Le mestruazioni sono un momento sacro per la donna.

Quel flusso di sangue è vita che si offre e che sgorga spontaneamente dal suo corpo.

Molte però, lo vivono ancora come un fastidio che sarebbe meglio non ci fosse, e altre lo vedono come qualcosa di sporco e da nascondere, (guardiamo per esempio le pubblicità degli assorbenti: il messaggio che passa é: sentiti pulita e a posto nascondendo che hai il ciclo!).

L'avvento del patriarcato ha denigrato la sacralità femminile cercando di nascondere, eliminare e demonizzare ogni simbolo e significato sacro della Grande Madre.
Così le donne sono diventate tentatrici, portatrici di peccato ed il loro sangue é diventato sporco e impuro a tal punto che le venne negato persino l'ingresso in luoghi sacri.

Negare alla donna la sacralità del suo ciclo ed il suo ruolo come portatrice di vita, ha portato l'animo umano alla sterilità e nell'ombra della paura per la vita stessa. Sia nelle donne che negli uomini é stato negato il legame sacro con la Grande Madre.
Così, un'umanità orfana di Madre, ricerca disperatamente le sue origini che troverà solo quando riconoscerà il Grande Utero da cui proviene.

Per questo, ogni donna, ha necessità di riallinearsi con sé stessa e la sua femminilità, comprendendo la sacralità del suo sangue ed il potere di vita che risiede in lei.

Per vivere il ciclo mestruale in modo positivo, la donna deve imparare ad accogliere la sua essenza femminile.
(Quando infatti una donna nega la sua femminilità, una delle problematiche che possono insorgere é proprio la scomparsa delle mestruazioni o un ciclo molto doloroso.)

“Al menarca la donna entra nel proprio potere,
con le mestruazioni pratica il proprio potere,
in menopausa diventa il proprio potere.”
detto dei Nativi Americani.


Allora le mestruazioni non saranno più dolorose né fastidiose, ma una benedizione ed un momento di profonda connessione alla Vita e alla saggezza della Dea.

In quei momenti una donna ha necessità di raccogliersi in sé stessa per ascoltare la saggezza del suo sanguinamento, benedirlo e scoprire in esso i misteri della vita.


Shirayah

Nessun commento:

Posta un commento